Ville d'Anaunia è un Comune “riciclone”

Prestigioso riconoscimento di Legambiente. L'impegno dell'amministrazione al contrasto dell'abbandono dei rifiuti

Ville d'Anaunia può fregiarsi del riconoscimento di “Comune riciclone”. Lo scorso anno i cittadini hanno prodotto 69,9 chili di rifiuto secco pro capite, portando la raccolta differenziata a quota 79,1%. Il prestigioso attestato è stato consegnato all'amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Facinelli dalla Comunità Val di Non, che ha aderito al concorso nazionale di Legambiente con il patrocinio del Ministero dell'ambiente e della tutela del paesaggio. “Una bella soddisfazione, che dà merito all'impegno dei nostri concittadini nel differenziare i rifiuti domestici. Il rispetto verso noi stessi parte dall'attenzione nei confronti dell'ambiente, che non ci appartiene ma dobbiamo gestire al meglio” osserva il primo cittadino. 

Nelle scorse settimane un importante richiamo era stato lanciato attraverso le pagine del notiziario comunale, di fronte ad un aumento dell'odioso fenomeno dell'abbandono dei rifiuti. Chi si disfa di sacchi di immondizie e vecchi elettrodomestici in maniera non opportuna, rischia di essere individuati dalle forze dell’ordine, incorrendo in multe di un importo minimo di 600 euro. Lo smaltimento ricade peraltro sull’intera cittadinanza, incluso chi pensa di fare il furbo. Ricordiamo che la consegna del materiale ai centri di raccolta materiali è gratuita e che ogni nucleo familiare versa una quota fissa della tariffa, e paga in bolletta un numero minimo di svuotamenti che varia a seconda del numero dei componenti. Ogni ulteriore sacco da 25 litri ha un costo di 1,92 europer il rifiuto secco. Insomma, chi è tentato di disfarsi in modo non appropriato dei propri rifiuti è bene che faccia due conti prima di entrare in azione.

Giovedì, 19 Settembre 2019

Questionario di gradimento

© 2019 Comune di Ville d'Anaunia powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl