Commozione a Ville d'Anaunia per la scomparsa del professor Renzo Leonardi

Riposerà nel cimitero di Tuenno. Il ricordo dell'assessora Giuriato: "Un esempio per i nostri giovani"

Ville d'Anaunia, 11 luglio 2019 - Scienziato, docente e fondatore del Centro europeo di fisica nucleare teorica a Trento. Il professor Renzo Leonardi è una grande mente alla quale la frazione di Tuenno è orgogliosa di aver dato i natali. A lui – è giusto ricordarlo – si deve il progetto che ha condotto alla realizzazione del centro di protonterapia nella città capoluogo. La sua improvvisa scomparsa ha destato grande commozione nel comune di Ville d'Anaunia, al quale Leonardi era profondamente legato, nonostante da tempo si fosse trasferito a Povo. Dopo la cremazione verrà sepolto a Tuenno. “Il ricordo e l'esempio del professor Renzo Leonardi meritano di essere conservati e valorizzati” sono le parole del sindaco Francesco Facinelli e dell'assessora alla cultura Maria Teresa Giuriato. Quest'ultima intende ora trovare il modo adeguato per ricordarlo.

Oltre che un grande scienziato, il professore emerito dell'Ateneo trentino conosciuto in tutta Europa era uno dei massimi esperti di arte fiamminga e negli ultimi tempi si stava dedicando alla scrittura di un volume su Leonardo Da Vinci. Membro del Laboratorio culturale noneso nato nel 2003 su iniziativa del Comune di Tuenno in collaborazione con alcune personalità del mondo accademico trentino, Renzo Leonardi era intervenuto in qualità di relatore in occasione di 5 edizioni della tradizionale settimana di studio autunnale come ricorda l'ultimo sindaco di Tuenno Piero Leonardi. L'ultima volta in cui tenne una conferenza a Tuenno risale al 2018, quando parlò dei problemi energetici del mondo d'oggi palesando le sue preoccupazioni. “Ho conosciuto Renzo Leonardi nel 2005 quando sono diventata assessore alla cultura del Comune di Tuenno e più volte ho avuto l'onore di averlo come relatore alle settimane di studio che ho organizzato nel mio paese. Non c'era ramo del sapere che lui non  conoscesse. Non solo, aveva dialettica straordinaria e sapeva spiegare i concetti più complessi in maniera comprensibile a tutti. Non faceva pesare la sua “grandezza”. Ascoltarlo e rimanere folgorata è stato un tutt'uno. Ora spetta a noi ricordare degnamente lui e le sue innumerevoli doti” sono le parole dell'assessora Giuriato, che sospira: “Peccato che i nostri giovani conoscano poco le grandi personalità del nostro Comune, esempi positivi che per molti sono diventati dei modelli da imitare”.

Il professor Renzo Leonardi lascia la moglie Anna Maria ed i figli Antonio e Alessandra. “Nel ricordare Renzo Leonardi non posso fare a meno di sentirmi vicina ad Anna Maria, sua moglie. Una presenza importante che ho visto sempre al suo fianco – sono le parole dell'assessora alla cultura -. Essere moglie di un “grande” deve essere difficile, ma io penso che lei fosse consapevole del fatto che il marito era destinato a grandi sfide. Ora che l’attende un periodo della sua vita in salita, vorrei esprimerLe la mia vicinanza e dirle che anch’io sarò tra coloro che sentiranno profondamente la mancanza del professor Renzo Leonardi”.

Giovedì, 11 Luglio 2019 - Ultima modifica: Sabato, 13 Luglio 2019

Questionario di gradimento

© 2019 Comune di Ville d'Anaunia powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl