Opere appaltate per 3 milioni 653mila euro

Progetti e cantieri: ecco tutti i lavori nel nuovo Comune di Ville d'Anaunia

Ville d'Anaunia 31 maggio 2017 - Nato esattamente un anno e mezzo fa, il Comune di Ville d’Anaunia ha già appaltato progetti per oltre 3 milioni 653mila euro. E’ l’immagine di un ente tutt’altro che “addormentato” quella che emerge dalla fotografia scattata al Servizio lavori pubblici della municipalità frutto della fusione di Nanno, Tassullo e Tuenno. Una realtà che contrasta con i contenuti - non aggiornati - pubblicati sul sito della Provincia di Trento e rimbalzati con grande evidenza sui quotidiani locali, secondo cui in Trentino ci sarebbero opere ferme per un totale di 132 milioni di euro. Nella tabella redatta da Piazza Dante compaiono anche quattro opere relative agli ex Comuni che si sono fusi nella nuova realtà di Ville d’Anaunia: piazza di Rallo, centro polifunzionale di Portolo, sistemazione del piazzale dell’Istituto comprensivo e arredi della palestra a Tuenno.

Ai bandi pubblicati dal Comune sono state invitate complessivamente 108 ditte, con gare che richiedono complessivamente migliaia di documenti. “Le procedure - evidenzia l’assessore ai lavori pubblici Sergio Larcher - si sono concluse senza nemmeno un reclamo o un contenzioso che avrebbe bloccato in partenza i lavori. Sintomo della velocità e della qualità delle operazioni portate avanti con impegno dai nostri collaboratori”. L’amministrazione guidata dal sindaco Francesco Facinelli (eletto nel maggio 2016) e la macchina organizzativa con il segretario generale dottoressa Anna Maria Iob manifestano dunque il loro stupore nello sfogliare i documenti della Provincia e nel leggere le dichiarazioni che hanno accompagnato la pubblicazione dei dati sulla stampa locale, in particolare i commenti di Giulio Misconel, presidente di Ance Assoedilizia e titolare della ditta che si è occupata proprio della demolizione dell’ex magazzino di Portolo. Al posto di quest’ultima struttura sorgerà un centro polifunzionale che sarà completato entro fine anno. “Attraverso l’impegno dei suoi dipendenti, la struttura organizzativa di Ville d’Anaunia ha dimostrato sul campo di saper fare il proprio lavoro riducendo i tempi delle procedure di appalto nonostante la complessità e la sovrapposizione di norme spesso contrastanti ed in continuo cambiamento” osserva la dottoressa Iob.

Le principali opere appaltate ad oggi sono: centro polifunzionale di Portolo (1,4 milioni di euro), tetto della casa sociale di Pavillo (164mila euro), muro di sostegno in località Diga (249mila euro), arredi della palestra di Tuenno a completamento della ristrutturazione generale dell’edificio conclusasi nel 2015 (299mila euro), e centralina sul rio Paglia (1,5 milioni di euro), per un totale di 3 milioni 653mila euro, di cui alcune con laboriose procedure espropriative.

Sono inoltre in fase di progettazione interventi per altri 3 milioni di euro, tra i quali spiccano: la piazza di Rallo (186mila euro) con la pavimentazione e il rifacimento delle infrastrutture che sarà cantierizzata in autunno; riconversione di Casa Grandi che diventerà la nuova sede municipale (818mila euro) il cui progetto preliminare approderà nei prossimi mesi in consiglio comunale, in attesa della cessione da parte della Provincia; la ciclopedonale nel tratto della Diga (81mila euro). E ancora: il cimitero di Tuenno, il controllo della rete acquedottistica, l’impianto di videosorveglianza nei paesi, Villa cacciatori e l’acquedotto in val di Tovel. Supera invece i 3 milioni di euro il valore delle opere avviate dalle precedenti Amministrazioni e già concluse dal nuovo Comune tra cui si ricordano le principali: ponte di Portolo (367mila euro), marciapiede di Campo (475mila euro) che sarà completato con un nuovo impianto di illuminazione, il cimitero di Pavillo (574mila euro), l’acquedotto di Tuenno e Nanno (1 milione 249 mila euro), la palestra di Tuenno (1 milione 481mila euro), mentre i suoi arredi sono tutti appaltati e per due terzi già realizzati (con i risparmi l’amministrazione pensa ad una nuova pavimentazione esterna). Per quanto riguarda invece il piazzale dell’istituto comprensivo, il motivo per cui l’opera non è ancora stata avviata è stato condiviso con il Servizio Autonomie locali: “Avremmo potuto partire subito coi lavori - spiega Larcher - ma i necessari approfondimenti e il coinvolgimento dei privati per la realizzazione di un parcheggio interrato ha reso più complesse le operazioni. In ogni caso, secondo la nostra tabella di marcia il cantiere inizierà a ottobre”. 

“La situazione complessiva in materia di opere è tutt’altro che statica - commenta il sindaco Facinelli -, nonostante la necessaria riorganizzazione legata alla fusione, avvenuta con la medesima forza lavoro di prima (anzi inferiore, dato il pensionamento di alcuni dipendenti) e qualche problema nell’ottenimento dei fondi promessi”. L’assessore ai lavori pubblici Sergio Larcher tende dunque la mano alla Provincia: “Abbiamo idee concrete per favorire e snellire le procedure relative alla realizzazione delle opere pubbliche. Idee a mio avviso molto più interessanti dell'ipotesi commissariale .... aspettiamo un incarico”. 

Mercoledì, 31 Maggio 2017

Questionario di gradimento

© 2017 Comune di Ville d'Anaunia powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl